lunedì 28 dicembre 2009

Un anno in cielo, le foto della Nasa


FOTOGALLERIA
« INDIETRO FOTO: 1 DI 11 AVANTI »
In questa galleria, una selezione di foto sensazionali che la Nasa ha scattato nello spazio nel corso del 2009. In questa immagine, la Cometa Verde: è stata fotografata il 23 febbraio con un teleobiettivo 300mm, nel giorno del suo massimo avvicinamento alla Terra. Sullo sfondo, altre stelle segnano il cielo come striature bianche.

Fonte

Astronomia, scoperto elisir di giovinezza delle stelle

Ricerca italiana ha spiegato perchè alcune stelle si mantengono bambine


Astronomia, scoperto elisir di giovinezza delle stelle ROMA - Scoperto l'elisir di giovinezza delle stelle. Una ricerca italiana è riuscita a spiegare perché alcune stelle si mantengono "bambine" nonostante si trovino in regioni della Via Lattea popolate soltanto da stelle molto anziane. Lo studio, pubblicato su Nature, è stato condotto dall'università di Bologna. Il segreto sembra essere in due meccanismi, molto diversi fra loro ma ugualmente validi. In ogni caso è sempre una coppia di stelle anziane a combinarsi in modo da ringiovanire e assumere l'aspetto delle cosiddette stelle "vagabonde blu". "E' come vedere dei bambini in una foto di gruppo di un ospizio per anziani. Viene spontaneo chiedersi cosa ci facciano lì", spiega Francesco Ferraro, alla guida del gruppo di ricerca del quale fa parte l'osservatorio di Bologna dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

...

Fonte

mercoledì 23 dicembre 2009

Hubble fotografa le "culle" dei pianeti


Lo scatto del telescopio spaziale subito foto del giorno nel mondo dell'astronomia

E' subito diventata la foto del giorno nel mondo dell'astronomia, quella scattata dal telescopio spaziale Hubble alle ''culle'' dei pianeti
Hubble fotografa le "culle" dei pianeti

ROMA - E' subito diventata la foto del giorno nel mondo dell'astronomia, quella scattata dal telescopio spaziale Hubble alle "culle" dei pianeti. L'immagine, pubblicata su Astronomy Picture of the Day, mostra la Grande Nebulosa di Orione, che si trova a 1.500 anni luce dalla Terra, e, nel dettaglio, alcuni sistemi di pianeti in formazione identificati nell'ambito del progetto "HST Orion Treasury", coordinato dall'astronomo Massimo Robberto dello STScI/Esa di Baltimora e al quale partecipa Francesco Palla, dell'osservatorio di Arcetri dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf).

Nell'immagine i riquadri evidenziano dischi protoplanetari, ossia dischi di polvere e gas che possono ospitare stelle e sistemi planetari in formazione. Sono visibili anche getti di materia espulsa dal disco circumstellare alla velocità di centinaia di chilometri al secondo.

...

Fonte

lunedì 21 dicembre 2009

Spazio: lunedi' il sushi in orbita

(ANSA) - MOSCA, 19 DIC - Sushi nello spazio, la prossima settimana: 3 astronauti, tra cui un giapponese, verranno lanciati verso la Stazione spaziale internazionale. L'astronauta Soichi Noguchi partira' lunedi' dal cosmodromo russo di Baikonur, assieme al russo Oleg Kotov e all'americano Timothy Creamer a bordo della navicella Soyuz. Noguchi ha introdotto i colleghi al celebre piatto giapponese durante l'addestramento nella terra del Sol Levante. 'Li ho addestrati per diventare amanti del sushi' ha detto Noguchi.

Fonte

mercoledì 16 dicembre 2009

Una 'Superterra' a 40 anni luce

Una 'Superterra' a 40 anni luce (ANSA) - ROMA, 16 DIC - A 40 anni luce dal nostro pianeta c'e' una 'superterra': e' un pianeta piu' grande della Terra, con una debole atmosfera e ricco di ghiaccio.

Il pianeta, che comunque e' molto piu' piccolo rispetto ai numerosi pianeti giganti finora scoperti all'esterno del Sistema Solare, e' descritto su Nature dal gruppo di astronomi guidati dall'americano David Charbonneau, dell'universita' di Harvard, che lo hanno scoperto con un telescopio simile a quelli amatoriali.

Fonte

giovedì 10 dicembre 2009

Norvegia, "buco nero" in cielo nessuno sa spiegare perché

Multimedia
UFO, fenomeno atmosferico o apparizione messianica? Non si può ancora dire ma per ora l'ipotesi che si può escludere più di tutte è un lavoro fatto con Photoshop o in postproduzione video. Insomma sembra proprio che il fatto sia avvenuto davvero. Ma cos'è successo nei cieli norvegesi stamattina?

E' successo che la zona più nord ha potuto assistere a un peculiare spettacolo in cielo per ora incatalogabile, che gli stessi testimoni norvegesi derubricano dalla fenomenologia delle aurore che si possono ammirare in quelle terre. La formazione di una sorta di "buco nero" a spirale, molto simile a come li immaginano i film di fantascienza. L'apertura di un buco in cielo, iniziato con l'apparazione di un globo luminoso che irradiava anelli di luce. In poco tempo, gli anelli hanno preso la forma di spirale, colorandosi di bianco verso l'esterno e di blu verso il nucleo di origine. Fino a diventare in breve tempo la cosa più grande in cielo in quel momento, più della luna.

Stando alle testimonianze, la spirale ha percorso un tratto di cielo, lasciando dietro di sé una scia bluastra.
Il fenomeno è durato meno di un minuto, fino al collasso della spirale luminosa. Che però ha lasciato in cielo un buco vuoto, senza luce.

...

Fonte

martedì 1 dicembre 2009

Spazio: Soyuz atterrata Kazakhstan

(ANSA) - MOSCA, 1 DIC - E' atterrata nelle steppe kazache la navicella russa Soyuz, con a bordo i tre astronauti della stazione spaziale internazionale (Iss).

Lo riferisce la tv Vesti 24, che ha trasmesso in diretta l'operazione. I cosmonauti tornati sulla terra sono il russo Roman Romanenko, il belga Frank De Winne dell'agenzia spaziale europea e il canadese Robert Thirsk.

Fonte