venerdì 22 giugno 2012

Missione la spaziale cinese, la prima volta con una donna astronauta

Vola sul 'Vascello Divino' 

Il razzo spaziale cinese Shenzhou-9 è partito come previsto alle 18:37 ora cinese (le 12:37 in Italia) dalla base della Jiuquan Satellite Launch Center nel deserto del Gobi. Le televisioni cinesi hanno mostrato in diretta il lancio. La Shenzhou (Vascello Divino) IX, avrà il compito di raggiungere la stazione orbitante Tiangong (Palazzo Celeste)- 1 e porta con se tre astronauti ("taikonauta" da "tai kong", spazio in cinese), tra i quali, per la prima volta, una donna, Liu Yang.

Continua qui

venerdì 15 giugno 2012

La prima luce aliena da una super-Terra

di: Rebecca Mantovani
Una rappresentazione artistica dell'esopianeta 55 Cancri e (in blu) in orbita attorno alla sua stella 55 Cancri. Il telescopio spaziale Spitzer, per la prima volta nella storia, ha registrato direttamente la luce infrarossa emessa dal pianeta extrasolare.
(NASA/JPL-Caltech)

Ce l'ha fatta: l'occhio del telescopio spaziale Spitzer della Nasa è riuscito a catturare per la prima volta nella storia la luce infrarossa emessa da un pianeta roccioso extrasolare, la super-terra “55 Cancri e”  distante 41 anni luce da noi, nella costellazione del Cancro.
Il termine “super-terra” non indica di per sé un pianeta potenzialmente abitabile, ma un esopianeta, o pianeta extrasolare, con caratteristiche diverse da quelli del nostro sistema solare: più massivi della Terra (fino a 10 volte la massa del nostro pianeta), più luminosi di Nettuno e formati da gas, roccia o combinazioni di entrambe, orbitano all'interno della zona abitabile di particolari stelle chiamate nane rosse.
Di pianeti così ne esistono davvero tanti: secondo i calcoli dell'ESO – European Organisation for Astronomical Research in the Southern Hemisphere – sarebbero qualcosa come decine di miliardi solamente nella nostra galassia. Fino a oggi il metodo utilizzato per rilevarne la presenza intorno a una stella era quello di valutare l'attenuazione della sua luminosità provocata dal passaggio del pianeta in orbita intorno a essa. Ma ora che Spitzer è riuscito a rilevare la luce infrarossa emessa direttamente dalla super-terra “55 Cancri e” si aprono nuove frontiere nella ricerca di segni di vita su altri pianeti.

Fonte: Focus

domenica 10 giugno 2012

Saturno tra 'plasma polveroso' prodotto dalla sua piccola luna


Saturno tra 'plasma polveroso' prodotto dalla sua piccola luna

I nanogranuli del plasma sconosciuto, rilasciato da Encedalus, che avvolge il sesto pianeta del sistema solare sono stati analizzati da un team di studiosi americani. Al contrario del plasma classico, le particelle di questo elemento hanno quasi tutte carica negativa

Continua qui

martedì 5 giugno 2012

Quando Venere ci mette lo zampino


04/06/2012 -

Quando Venere ci mette lo zampino


Per l'Italia, quando il Sole sorgerà, Venere starà già per uscire dal bordo solare. Il Sole il 6 giugno sorgerà a Torino alle 5,43 a Trieste alle 5,16 a Roma alle 5,35. Il transito di Venere si concluderà per tutta l'Italia alle 6,55

Dopodomani il pianeta transiterà davanti al Sole per l’ultima volta prima del 2117. Così nel '700 l'evento fu sfruttato per conoscere meglio l'universo

PIERO BIANUCCI
Dopodomani alzatevi presto. Quando il Sole sorgerà, avrà un neo vistoso: è il pianeta Venere che sta attraversando il suo disco abbagliante. La levataccia è giustificata. Lo spettacolo non si ripeterà fino all’11 dicembre 2117. Neppure chi è nato quest’anno ha qualche ragionevole probabilità di assistere a una replica.

Continua qui

sabato 2 giugno 2012

La Via Lattea e la galassia di Andromeda sono in rotta di collisione

Era noto da tempo che la Via Lattea e la galassia di Andromeda si stanno avvicinando l’una all’altra ad una velocità spaventosa, ma nessuno finora era stato in grado di dire se le due galassie sarebbero andate incontro ad una collisione frontale oppure si sarebbero soltanto sfiorate.
Adesso, grazie a precise misure effettuate con il telescopio spaziale Hubble, un gruppo di ricercatori statunitensi è stato in grado di confermare la prima ipotesi: le due galassie sono in rotta di collisione e il colossale scontro cosmico avverrà tra circa 4 miliardi di anni. In quell’epoca il Sole, avendo quasi esaurito la riserva di idrogeno nel suo nucleo, si avvicinerà alla fine del suo ciclo evolutivo e sarà in procinto di entrare nella fase di gigante rossa, espandendosi sino a raggiungere con in suoi inviluppi esterni l’orbita della Terra.

Continua qui