martedì 30 dicembre 2014

Il diario di @astroSamantha: Buon anno dallo spazio

Un 'meraviglioso 2015' dalla Stazione Spaziale

Buon anno dallo spazio: gli auguri di Samantha Cristoforetti per un ''meraviglioso 2015, pieno di gioia e felicità'' arrivano direttamente dalla Stazione spaziale internazionale (Iss) attraverso un videomessaggio pubblicato su YouTube dall'Agenzia spaziale europea (Esa).

Continua qui (video)

mercoledì 24 dicembre 2014

In arrivo la cometa di Natale visibile anche a occhio nudo

Si affaccia la cometa di Natale che dovrebbe dare il meglio di sé a metà gennaio: con la sua coda luminosa si trova fra le stelle della costellazione della Colomba, dove è visibile anche ad occhio nudo.

Dopo aver dato spettacolo nei cieli australi la cometa C/2014 Q2 Lovejoy si sta “arrampicando” nei cieli dell’emisfero Nord in perfetta sincronia per Natale. Si può tentare di osservarla a partire dalla mezzanotte di oggi 24 dicembre, puntando un binocolo o un piccolo telescopio in direzione Sud, ai piedi di Orione. L’oggetto, spiega l’astrofisico Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope e curatore scientifico del Planetario di Roma, è molto basso sull’orizzonte ma in zone prive di inquinamento luminoso è possibile vederlo pure ad occhio nudo, anche se non è semplice, perché ha una magnitudine di 5,5, ossia molto vicina al limite che è 6 per le osservazioni ad occhio nudo. Sono previste due osservazioni sul canale Scienza e Tecnica dell’Ansa, in diretta streaming con il Virtual Telescope, il 6 e l’11 gennaio.

Continua qui

domenica 21 dicembre 2014

Il regalo di Natale di Astro Samantha: volo in timelapse sull’Italia

Il video è stato registrato circa una settimana fa, ma è stato pubblicato su YouTube solo ieri, ed è comunque bellissimo da vedere: in una quarantina di secondi registrati dall’astronauta italiana Samantha Cristoforetti si vede quello che ha visto la Stazione Spaziale Internazionale muovendosi in orbita dall’Inghilterra all’Egitto, con un lungo passaggio sopra l’Italia.
È molto probabile che il video sia stato girato fra le 17 e le 19 dello scorso 12 dicembre, quando la Iss è stata ben visibile anche a occhio nudo nei cieli italiani, orbitando a circa 400 chilometri d’altezza.

Il video

sabato 20 dicembre 2014

Lo scatto di Sam: "Finalmente l'Italia di giorno"

Lo scatto di Sam: "Finalmente l'Italia di giorno"
Calabria, Puglia e Basilicata: ecco lo scatto all'Italia del sud di Samantha Cristoforetti dalla Iss postato sul suo profilo Twitter con questo commento: "Finalmente un passaggio di giorno sopra l'Italia! Calabria, Puglia e Basilicata non si arrendono alle nuvole..."

Fonte

venerdì 19 dicembre 2014

Missione Rosetta, la cometa è coperta da uno strato di materiale organico

E' anche più "calda" del previsto, emerge dai primi dati presentati negli Stati Uniti. Intanto si lavora per estendere la missione

Missione Rosetta, la cometa è coperta da uno strato di materiale organico
(ansa)
 
ROMA - La cometa obiettivo di Rosetta è coperta da uno strato grigio di polveri organiche ed è più calda del previsto: lo indicano i primi dati della missione dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) presentati negli Stati Uniti, nel convegno dell'American Geophysical Union (Agu), e rilevati grazie allo spettrometro italiano Virtis. Ha una temperatura di -50 gradi, confrontabile a quella che si registra in estate nelle zone interne dell'Antartide. E' un'immagine ad alta definizione, quella fornita dallo strumento Virtis (Visible and Infrared Mapping Spectrometer) che si trova a bordo della sonda Rosetta e del quale è responsabile Fabrizio Capaccioni, dell'Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Iaps-Inaf). Mentre una semplice fotocamera si basa su tre colori, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è stata 'immortalata' utilizzando ben 860 colori che coprono tutto lo spettro luminoso, dalla luce ultravioletta a quella infrarossa. Nessun fossile del Sistema Solare ha mai avuto finora un identikit così dettagliato.

Continua qui

giovedì 18 dicembre 2014

Curiosity rivela metano su Marte, ma la fonte è ignota

Emissioni continue di gas rivelate dalla sonda che passeggia sul pianeta rosso. Ma la fonte resta sconosciuta

Curiosity rivela metano su Marte, ma la fonte è ignota

sabato 13 dicembre 2014

Tricolore tra le stelle

I 50 anni dell’avventura spaziale italiana: due grandi video racconti alla scoperta dei protagonisti e dei gioielli tecnologici che hanno segnato l’epopea spaziale del nostro Paese
A cura di Dario Migliardi e Antonio Lo Campo
E’ il 15 dicembre 1964. Un razzo vettore americano “Scout”, partito dalla base di Wallops Island, ospita un oggetto di grande rilevanza scientifica. Si chiama “San Marco 1”. E’ il primo satellite tutto italiano. L’Italia entra tra i grandi dello spazio come una delle prime nazioni al mondo a mettere in orbita un satellite di propria ideazione e costruzione.
Inizia un’avventura che nei 50 anni successivi ha visto un susseguirsi di successi. Da “San Marco 1” a “Rosetta”, dal primo astronauta Franco Malerba a Samantha Cristoforetti, La Stampa vi porta con due grandi video racconti originali alla scoperta del tricolore italiano nello spazio.

Continua qui (video)

giovedì 11 dicembre 2014

AstroSamantha: ecco come salutarla mentre passa sopra le nostre teste

La Iss visibile a occhio nudo (meteo permettendo) giovedì 11 e sabato 13 dicembre poco dopo le ore 18

In queste sere si potrà salutare Samantha Cristoforetti, la prima astronauta italiana della storia. Come riporta il correre.it, c’è la possibilità di rivolgerle un "ciao!" mentre la Stazione spaziale internazionale sfreccia sopra le nostre teste. Infatti la Iss, che orbita attorno alla Terra a circa 400 km d’altezza, sta effettuando una serie di spettacolari passaggi sull’Italia, visibili a occhio nudo nelle prime ore della sera, condizioni meteorologiche permettendo. In particolare, due transiti particolarmente favorevoli per le regioni del centro-nord si avranno giovedì 11 e sabato 13 dicembre, poco dopo le 18.

Continua qui 

mercoledì 10 dicembre 2014

Pioggia di stelle: arrivano le Geminidi, le meteore di dicembre

Le Geminidi sono lo sciame meteorico più intenso assieme alle Perseidi di agosto e il loro picco, come ogni anno, si colloca attorno al 13-14 dicembre, quando la Terra attraversa i detriti dell'asteroide Phaeton 3200. Sono questi i giorni migliori per scegliere un luogo lontano dalle luci della città, poco disturbato dall'inquinamento luminoso, e osservare le "stelle cadenti" solcare il cielo notturno. Lo spettacolo (nuvole permettendo) dovrebbe essere assicurato, visto che durante il picco se ne potrebbero contare ben 100 all'ora. Le meteore possono apparire in ogni zona del cielo ma il punto radiante si trova nella costellazione dei Gemelli (dal quale lo sciame prende il nome), in alto e a sinistra della ben più nota e riconoscibile cintura di Orione. 



Per chi si trovasse in una zona dal cielo coperto oppure non avesse voglia di affrontare le rigide temperature della notte, il virtualtelescope dell'osservatorio di Ceccano trasmetterà una diretta streaming  a cura di Gianluca Masi, dalle 3.00 del mattino del 14 dicembre.

Le altre foto

Marte era ricco di laghi, più facile trovare tracce di vita passata

Lo indicano i dati del robot Curiosity della Nasa

Marte era costellato di laghi: lo indicano i dati del robot laboratorio della Nasa Curiosity, che dall'agosto 2012 sta esplorando il grande cratere Gale. Questo stesso gigantesco cratere è stato occupato per milioni di anni da un grande lago e il Monte Sharp, che si trova al centro del cratere, potrebbe essersi formato dai sedimenti del lago.

Continua qui (foto e video)

La Stazione Spaziale sfreccia sull'Italia, ecco le prime foto

Visibile a occhio nudo per buona parte di dicembre

La Stazione Spaziale sfreccia sull'Italia in questi giorni e le immagini di uno dei primi passaggi sono già state catturate dagli obiettivi degli astrofili. Appare come una lungo linea luminosa nel cielo perchè ''per poterla riprendere con una normale macchina fotografica è necessario un lungo tempo di posa'', spiega l'autore di una delle prime foto, Paolo Volpini, dell'Associazione Astrofili di Piombino e dell'Unione Astrofili Italiani (Uai). I passaggi saranno numerosi per buona parte di dicembre, soprattutto a partire da venerdì 12.

Continua qui

sabato 6 dicembre 2014

Primo volo orbitale per Orion: missione compiuta. È un passo dell'uomo verso Marte









Primo volo orbitale per Orion: missione compiuta. È un passo dell'uomo verso Marte

Primo volo orbitale per Orion: missione compiuta. È un passo dell'uomo verso Marte
(reuters)
 
ROMA - Missione compiuta: la capsula Orion ha portato a termine il suo primo volo sperimentale orbitale senza equipaggio. È il successore delle capsule Apollo e dello Shuttle, ed è il progetto che porterà, dopo il 2030, l'uomo su Marte. La capsula ha effettuato lo splash down, l'ammaraggio, nel Pacifico, ponendo fine con successo al volo durato circa quattro ore e mezzo.
Continua qui 

giovedì 4 dicembre 2014

«My beautiful country» (vista dallo spazio): il tweet di AstroSamantha

L’astronauta italiana a bordo della Iss scatta una foto dell’Italia: la Sicilia illuminata, la Capitale è un punto fluorescente

 «Finalmente uno scorcio notturno del mio Paese». La foto è quella dello Stivale alla rovescia, bella assai. Al buio, la Sicilia è tutto un gioco di luci; Calabria e Puglia sono illuminate attorno alla costa mentre la Capitale è un grosso punto fluorescente mentre il Tirreno è coperto da nubi. A bordo della navicella Iss, l’astronauta Samantha Cristoforetti vede così l’Italia. E twitta l’immagine dallo spazio. Le stesse parole emozionate sono anche in inglese: «And finally a night glimpse of my beautiful country!».

Continua qui

lunedì 1 dicembre 2014

Viaggio al centro della Via Lattea

Grazie ai telescopi delle Ande

Viaggiare nel centro della Via Lattea fino ai confini del buco nero gigantesco che si trova nel cuore della nostra galassia: è possibile grazie al primo mini-show a cupola per i planetari realizzato dall'Osservatorio Europeo Meridionale (Eso). Dal titolo 'Viaggio al centro della Via Lattea', il video è stato realizzato grazie alle osservazioni fatte nell'arco di 20 anni da due telescopi.

Continua qui