giovedì 26 febbraio 2015

Com’è il tramonto su Marte? Ecco le immagini della Nasa

C’è chi sogna di guardare un tramonto su Marte e forse un giorno ci riuscirà, per tutti gli altri la Nasa - grazie alle immagini catturate dalla sonda Opportunity - offre la possibilità di vedere lo spettacolo direttamente dalla Terra. Le immagini provenienti dal Pianeta Rosso sono state pubblicate sul social network Vine dall’agenzia spaziale statunitense ma sono state scattate nel 2010. Ma perché il tramonto su Marte è blu? A quanto pare l’atmosfera del pianeta - ricco di polveri rosse - filtra la luce impedendo così la dispersione dei raggi solari di quel colore.

Il video

lunedì 23 febbraio 2015

L'eclisse parziale di sole attesa per il 20 marzo 2015: notevole nel nord Italia!

Venerdì 20 marzo si verificherà un'importante eclisse parziale di sole.

Il 20 marzo 2015, in mattinata, si verificherà una eclisse parziale di Sole visibile dall'Italia.
L'oscuramento del sole vivrà i suoi momenti culminanti tra le 10.29 e le 10.37 a seconda della località italiana in cui si vive. Ad esempio a Milano il momento culminante si avrà alle 10.32, a Brindisi alle 10.37.

Continua qui

giovedì 19 febbraio 2015

Crateri e misteriose macchie, Cerere visto da vicino

Le sue due facce fotografate in dettaglio dalla sonda Dawn

Crateri e misteriose macchie luminose: ecco cosa si inizia ad intravedere sulla superficie del pianeta nano Cerere nelle prime osservazioni ravvicinate fatte dalla sonda Dawn della Nasa. Le immagini, catturate ad una distanza di appena 83.000 chilometri, descrivono per la prima volta in dettaglio le due facce di questo corpo celeste tra i più primitivi del Sistema solare. Giusto un 'antipasto', prima dell'incontro ravvicinato previsto per il prossimo 6 marzo.

''Man mano che ci avviciniamo, capiamo che Cerere ci ha incantati senza svelarci nulla di sè'', afferma il responsabile della missione Chris Russell. ''Ci aspettavamo di restare sorpresi, ma non così confusi''.
Grazie anche allo spettrometro italiano Vir (Visual and Infrared Spectrometer) realizzato da Agenzia spaziale italiana (Asi) e Istituto nazionale di astrofisica (Inaf), la sonda della Nasa indagherà la natura e la composizione del pianeta nano.

Continua qui

martedì 17 febbraio 2015

Viaggio 3D nella nebulosa. È piena di buchi e somiglia a una spugna

Cassiopea A è una nube nata dalla violenta esplosione di una stella come supernova. Grazie a una nuova "Tac astronomica", ora possiamo sapere come è fatta al suo interno e capire meglio la spettacolare morte delle stelle di grande massa


CHI NON VORERBBE prendere un'astronave e partire per un viaggio verso altre stelle? Magari spingersi lontano nella galassia per visitare luoghi remoti, dove le stelle nascono o muoiono? Per fare un viaggio così, non serve un'astronave, basta chiedere agli astronomi e usare un po' di immaginazione. Grazie a nuove osservazioni, infatti, due astronomi dell'Harward-Smithsonian Center for Astrophysics e del Darmouth College negli Stati Uniti hanno costruito una dettagliata mappa tridimensionale di Cassiopea A, una nebulosa a 11 mila anni luce da noi. 

Continua qui

sabato 14 febbraio 2015

Addio all’ultima navetta automatica europea

Domenica 15 febbraio l'impatto nell'atmosfera

Addio all’ultima navetta automatica europea. Dedicata a Georges Lemaitre. La navetta ha lasciato la Stazione Spaziale Internazionale per tornare verso Terra con un carico di rifiuti e bruciare nell’impatto con l’atmosfera. Il distacco del quinto e ultimo Atv (Automated Transfer Vehicle) dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) è avvenuto alle 14,44 italiane e segna la fine di questo programma, partito nel 2008.

Le cinque navette senza equipaggio lanciate nell’ambito del programma hanno funzionato come un efficiente servizio di linea, consegnando rifornimenti e viveri agli equipaggi della Stazione Spaziale, per ripartire cariche di spazzatura, esplodendo nell’atmosfera.

Continua qui

venerdì 13 febbraio 2015

M’illumino di meno: spegniamo l’Italia per il risparmio energetico

Alle 18.38 AstroSamantha scatterà una foto per immortalare l’oscuramento simultaneo

Dalla Mole Antonelliana all’Arena di Verona, fino al Colosseo. Sono solo alcuni dei luoghi della Penisola pronti a spegnere le luci venerdì sera in occasione di M’illumino di meno, la campagna per la sensibilizzazione al risparmio energetico lanciata dalla trasmissione di Rai Radio2 Caterpillar dalle 18 alle 19,30. E che nella versione 2015 ha trovato sempre più consensi e adesioni non solo dalle istituzioni e dalle aziende, ma addirittura dallo spazio. Allo scoccare delle 18.38, infatti Samantha Cristoforetti scatterà una foto per immortalare lo spegnimento simultaneo. Un avvenimento straordinario che coincide con almeno altri due eventi significativi: l’Anno internazionale della luce proclamato dall’Onu e la Giornata mondiale della radio. Non meno importante, il target scelto per questa edizione ovvero le scuole e la proposta lanciata dalla trasmissione radiofonica: unire al buio anche l’accensione di luci virtuose, alimentante da fonti rinnovabili. E senza dimenticare le tantissime iniziative collaterali sparse per l’Italia. 

Continua qui

Energie rinnovabili, premiato il progetto (eolico) di Edison

 

 

mercoledì 11 febbraio 2015

C'è uno smile tra le stelle, la gravità disegna con la luce


Lo "smile" e i contorni di questa faccia che ci 'sorride' da miliardi di anni luce di distanza sono stati, per così dire, disegnati dai due 'occhi' al centro del cerchio: l'ammasso stellare SDSS J1038+4849, fotografato in questa recente immagine dal telescopio spaziale Hubble. L'attrazione gravitazionale di questi oggetti è talmente potente da piegare e amplificare la luce che proviene da galassie molto più lontane poste esattamente dietro di sé sulla linea dell'osservazione da Terra. In questo caso la luce deformata traccia quasi un cerchio perfetto attorno all'ammasso. Il fenomeno dello Strong gravitational lensing ci permette di osservare galassie ai limiti dell'universo, secondo un modello spiegato anche dalla teoria della relatività generale di Einestein

Fonte

domenica 8 febbraio 2015

Broccoli, sgombro e quinoa: la cena di Sam in diretta dallo Spazio

L'astronauta Samantha Cristoforetti in collegamento in diretta con Fabio Fazio a 'Che fuori tempo che fa' si prepara per la cena: "Uno dei miei piatti preferiti con insalata di sgombro, quinoa, gamberi e aggiungo delle verdure, broccoli che abbiamo a bordo". Mostrando le buste che levitano nella Stazione spaziale, Samantha ha poi spiegato che riscalderà la sua cena in un fornelletto elettrico.

Il video

domenica 1 febbraio 2015

Il diario di @astroSamantha

Un pensiero dell'Italia, dopo un giorno importante

Un pensiero dell'Italia, dopo un giorno importante
Una foto dell'Italia illuminata, ben riconoscibile nonostante le nubi: così Samantha Cristoforetti ha dedicato ''un pensiero all'Italia dopo un giorno importante!''. Lo ha scritto su Twitter la stessa astronauta dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) riferendosi all'elezione del presidente della Repubblica.
Nei ritagli di tempo che le lascia la missione Futura, che sta seguendo per l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Sam ha continuato a dedicare altre foto alla ''sua'' Italia: dal Nord Est, dove è crescita, a Milano, dove è nata. Scambiando poi via Twitter delle battute con Fabio Fazio, Samantha Cristoforetti ha detto di ricordare di rado i suoi sogni. ''Mi pare che nei sogni cammino ... con le aurore invece sogno ad occhi aperti!'', ha scritto l'astronauta postando la foto si una bellissima aurora polare.

Continua qui