sabato 25 marzo 2017

Passeggiata spaziale in vista dei futuri equipaggi commerciali

Al via una 'staffetta' di passeggiate spaziali destinate a predisporre la Stazione Spaziale per gli attracchi delle future capsule con equipaggi umani realizzate dai privati per conto della Nasa. Sono 'uscite' che l'agenzia spaziale americana ha previsto per oggi, per il 30 marzo e per il 6 aprile.

A rompere il ghiaccio sono l'astronauta francese Thomas Pesquet, dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa), che affronta la sua seconda passeggiata spaziale con il collega americano Shane Kimbrough, comandante dell'Expedition 50. L'apertura del portello è prevista per le 13,00. La durata prevista per la passeggiata spaziale è di sette ore, durante le quali i due astronauti, con l'aiuto del braccio robotico, devono scollegare il dispositivo alla base del nuovo sistema di attracco, l'interfaccia pressurizzata Pma 3 (Pressurized Mating Adapter-3), dal modulo Tranquility, al quale era stato agganciato provvisoriamente, al modulo Harmony.

Guarda la diretta

mercoledì 22 marzo 2017

La Terra salutata da 5 asteroidi in 3 giorni

Scoperti nell'arco di 24 ore, tre all'interno dell'orbita lunare

 

Ben 5 asteroidi hanno salutato la Terra nell'arco di tre giorni, dal 19 al 21 marzo, e tre di essi lo hanno fatto con passaggi 'ravvicinati' avvenuti all'interno dell'orbita lunare. Tutti, inoltre, sono stati scoperti nell'arco di 24 ore.

Dei tre asteroidi segnalati il 20 marzo, due sono passati il 19 e il 20, mentre il terzo si è avvicinato alla Terra alle 16:04 del 21 marzo. Altri due sono stati scoperti nella stessa giornata, ha detto l'astrofisico Gianluca Masi, responsabile del progetto Virtuale Telescope.

Gli asteroidi sono scoperti a ridosso del loro passaggio dal programma Mount Lemmon Survey, gestito dall'università dell'Arizona. 

Continua qui

giovedì 9 marzo 2017

Marte, uno scudo magnetico per renderlo abitabile

In vista delle future colonie umane 

Uno scudo magnetico tra Marte e il Sole permetterebbe al pianeta rosso di tornare ad avere un' atmosfera e di essere abitabile in vista di future colonie umane. E' fra le proposte più ambiziose presentate nel convegno della Nasa sulle prospettive delle Science planetarie per il 2050. L'idea, del gruppo dell'agenzia spaziale americana coordinato da Jim Green, è di realizzare una barriera magnetica tra il pianeta rosso e il Sole, che blocchi il vento solare e favorisca lo sviluppo di un campo magnetico artificiale al fine di creare le condizioni per il ripristino dell'atmosfera.

Continua qui

giovedì 2 marzo 2017

Il Sole a colori nelle prime foto del satellite Geos 16

Per studiare il meteo solare e quello terrestre

Il Sole si mostra a colori con le prime foto scattate dal satellite americano Geos 16, ideato per studiare il meteo terrestre e quello spaziale. Il satellite dell'Agenzia statunitense per l'atmosfera e gli oceani (Noaa) ha acceso il suo 'occhio' capace di vedere 6 differenti frequenze di raggi ultravioletti evidenziando anche la presenza di un grande 'buco' nella parte più esterna della nostra stella.

Continua qui